E415

E415

Gruppo montuoso:        MONTE CORNO – CORONA – LAGO SANTO
Competenza:                  S. SEZ. SAT CEMBRA
Comuni:                           Cembra     Faver
Difficoltà:                         E
 
Località                                                          Quota      Lunghezza     Tempo◊    Tempo◊
LAGO SANTO (b.410-414-417)                 1208          0                     0.00          0.25
PRADOLE                                                     1247          1510               0.30          0.20
SACH                                                            1273           910                0.20          0.30          
ZISE (b.409)                                                  1245          1510              1.25           0.35
PONCIACHC                                               1020          1720              1.40           0.00   
                                                                                          5650             1.40           1.50
 

E’ il principale itinerario della dorsale di Cembra sul quale transitano anche il Sentiero E5 e il Sentiero Italia e collega il Lago Santo con il Rifugio Potzmàuer sulla via per Cauria/Gfrill e il Parco Naturale del Monte Corno. Si svolge in gran parte su strade e tratturi forestali e quasi completamente entro i vasti boschi di conifere e faggi che ricoprono il vasto altopiano.

Dal Lago Santo, in prossimità del rifugio alpino omonimo, si segue costantemente la strada forestale che attraversa, con diversi saliscendi, l’altopiano boscoso,  passando per la conca di Vegiose. In loc. Sach si lascia sulla dx il Sentiero Botanico per Ponciàch e si continua per la strada forestale di Sach che attraversa l’intero fianco occidentale del Monte Pincaldo calando infine al passo di Zise dove arriva anche il sent. 409 che sale da Faedo e la strada da Ponciàch (it. 415A).  Per la strada forestale della Selva si aggira da nord un largo dosso e si giunge ad un belvedere  che domina la vallata atesina dalla stretta di Salorno fino a Bolzano.  La via continua in quota sul versante settentrionale del Monte Castion, supera il bivio di Selva con una forestale che arriva dai boschi di Salorno e comincia ad alzarsi verso la Busa Piciola (m. 1350) in fianco al Monte Novaline. Si prosegue ora entro fitte abetaie fino a sbucare nella bella radura dove si trova il Rifugio Potzmauer.

Scheda descrittiva a cura SAT Commissione Sentieri in collaborazione Sezione Cembra