E417

E417

Gruppo montuoso:        MONTE CORNO – CORONA – LAGO SANTO
Competenza:                  SAT LISIGNAGO – CEMBRA
Comuni:                           Giovo     Giovo     Lisignago
Difficoltà:                         E
 
 
Località                                                                              Quota      Lunghezza     Tempo◊    Tempo◊
VAL DELLA STUA (b.414)                                              910          0                      0.00           0.40
BIVIO STRADA FOR. MADERLINA-GIAN                   998          2100               0.45            0.05
CAPANNA MADERLINA (b. 416)                                 1005        350                 0.05            0.20
BIVIO SP. 96 CEMBRA – LAGO SANTO KM 2,7                  979         1100                0.20           0.20          
TEGNUDA (bivio str. for. Roccol)                                 1017          1500             0.25           0.20
STANGHE                                                                        1226         860                0.30            0.15   
LAGO SANTO (b.410-414-415)                                    1208         900                 0.15           0.00        
                                                                                                             6810               2.20            2.00

 

Articolato e complesso itinerario di collegamento fra Faedo e il Lago Santo, alternativo al sent. 414,  che transita per l’Altopiano della Maderlina.

Il percorso ha inizio in Val della Stua, distaccandosi dal sent. 414, attraversa il rio e segue la strada forestale che, in quota e nel bosco, costeggia un largo dosso. Si arriva nel vasto prato di Palù Sovina e la stradina confluisce in un’altra forestale che, andando verso dx e con ampio giro, va a immettersi, nei pressi della villetta Iachemet  con le attigue pale eoliche, nella stradina asfaltata che conduce ai Prati alla Grava e alla Capanna Maderlina della Sezione SAT di Lisignago. Si continua lungo la strada che mantenendosi a margine dei prati va in direzione del Lago Santo e dopo qualche centinaio di metri, giunti su un dosso, s’imbocca sulla dx una mulattiera che cala nel bosco, a fianco del Prà della Maffea, ad inserirsi su una via forestale che aggira a monte dei fronti delle grandi cave di porfido di Cembra e sbuca in breve sulla S.P. 96 Cembra-Lago Santo. Pochi metri sopra il bivio, inizia la strada forestale Roccol che si percorre salendo diagonalmente sul fianco meridionale del Monte di Cembra; giunti al bivio di Tegnuda col sentiero che taglia per il ripido versante, si sale per questo fino a scollinare in loc. Stanghe, e ripresa la forestale che avevamo abbandonato, per questa, si cala leggermente nella conca del Lago Santo, importante snodo escursionistico  dell’intera dorsale dei Monti di Cembra.

Scheda descrittiva a cura SAT Commissione Sentieri in collaborazione Sezione Cembra